21 cose che devi sapere sulla nicotina

nicotina, 21 cose da sapere

Tutto ciò che è importante sulla nicotina probabilmente lo potrai leggere qui.
C’è molto di più, senza dubbio, come il lungo elenco di benefici per determinate condizioni mediche. I dettagli completi dei biomeccanismi impiegati da un nutriente sono interessanti ma non pertinenti a questo elenco di argomenti, che riguarda l’immagine pubblica della nicotina e la sua distorsione a fini commerciali.

Probabilmente rimarrete sorpresi nel leggere alcune affermazioni ma non temete: i riferimenti alle più importanti ricerche in questo campo sono a vostra disposizione

Quello che pensi di sapere sulla nicotina è quasi certamente sbagliato.

Nicotina e dipendenza

  1. È praticamente impossibile diventare dipendenti dalla nicotina pura
  2. È impossibile creare clinicamente dipendenza da nicotina se non in caso di co-somministrazione con tabacco
  3. Nessuno nella storia della scienza medica è mai stato segnalato come dipendente dalla nicotina a seguito della somministrazione della sostanza pura ai non fumatori in uno studio clinico: questo sarebbe molto facile da dimostrare, se ci fosse una base fattuale per affermazioni come “la nicotina crea dipendenza”.
    In effetti è probabile che sia stato un obiettivo primario per i ricercatori in passato: il fatto che non sia stato raggiunto, mai, nemmeno una volta, nonostante gli enormi benefici finanziari conseguenti, ci conferma che è impossibile
  4. I fumatori diventano comunemente dipendenti dal fumo e dipendenti dalla nicotina, ma le persone che non hanno mai consumato tabacco non possono diventare dipendenti dalla nicotina. Questo ci dice che qualcosa a parte la nicotina sta creando dipendenza, e poiché il tabacco / fumo contiene 9.600 composti identificati fino ad oggi, ci sono molti candidati per questo agente o agenti
  5. La nicotina da sola non può creare dipendenza (si veda ad esempio la normativa sull’etichettatura NRT della FDA: “La nicotina sembra non avere alcun potenziale di abuso”) – e con esperienza di mercato dei prodotti NRT dal 1984 ad oggi ne avremmo evidenza

Nicotina e danni

formula chimica del nicotina
  1. Nessuna agenzia governativa in nessun paese (come la FDA o la NICE del Regno Unito) può fornire un qualsiasi materiale che dimostri che la nicotina è dannosa per una persona in normale stato di salute
  2. La nicotina non è associata al cancro: non lo provoca, né lo promuove, né lo abilita in alcun modo
  3. in molti paesi del mondo, Europa inclusa, i ministeri della salute hanno concesso la licenza di vendita a prodotti medici che contengono nicotina per uso a lungo termine e multiuso
  4. Molti medici danno consigli errati sulla nicotina e possono persino essere colpevoli di negligenza professionale a causa della loro convinzione nella propaganda contraria ai fatti

Nicotina e tossicologia

  1. La vecchia propaganda secondo cui “la nicotina è altamente tossica” è stata completamente demolita
  2. È considerato quasi impossibile morire per ingestione della sola nicotina, perché la dose richiesta è enorme.
    Poiché la deglutizione induce un riflesso del vomito che la espelle ed è necessario un anestetico per prevenire l’emesi (vomito).
    Così è raro trovare un esempio di un adulto che muore da solo l’ingestione di nicotina in assenza di altro agente consumato come anestetico o antiemetico
  3. L’uso contemporaneo di diverse vie di somministrazione della nicotina allo scopo di causare un deliberatamente un sovradosaggio è innocuo

Nicotina e pressione sanguigna

  1. La nicotina non “aumenta la pressione sanguigna” come afferma fortemente la propaganda (tranne ovviamente per un periodo molto breve).
    In realtà è vero il contrario: il consumo a lungo termine riduce effettivamente la pressione sanguigna

La nicotina nella dieta

La nicotina nella dieta
  1. La nicotina è una parte abituale della dieta. In tutti i sondaggi clinici su larga scala in cui sono stati testati centinaia di soggetti, nessuno ha mai mostrato risultati negativi per la nicotina
  2. La nicotina è un ingrediente normale nelle verdure e tutti la consumano
  3. La nicotina è un alcaloide attivo e una parte attiva della dieta
    La sua rimozione ha conseguenze negative per alcuni mentre l’integrazione può portare benefici per altri.
  4. All’acido nicotinico composto gemello, situato nelle stesse piante e con numerosi benefici in comune con la nicotina, è stato assegnato lo stato vitaminico come vitamina B3 (anche se i ricercatori hanno dovuto inventare un nuovo nome per farlo accettare)
  5. Somministri nicotina al tuo bambino con le sue verdure tritate e nessun medico ha mai osato affermare che questa è una cattiva idea poiché la nicotina è così strettamente associata al gruppo della vitamina B che quasi sicuramente si creerebbe una carenza nutrizionale se un tentativo fosse fatto per provare ed escludere artificialmente qualsiasi ingrediente attivo come la nicotina
  6. Tre composti attivi strettamente correlati in questo gruppo sono localizzati nelle verdure o creati come metaboliti nell’uomo e si trovano nella normale dieta umana: nicotina, acido nicotinico e nicotinamide. Tutti e tre condividono determinati effetti nell’organismo umano e ognuno ha funzioni specifiche aggiuntive. È stato riferito che la nicotinamide è un metabolita della nicotina nell’organismo umano e che l’acido nicotinico è un metabolita della nicotina in alcuni organismi.

Prevenzione delle malattie

All’acido nicotinico è stato assegnato lo stato vitaminico come vitamina B3 grazie alla sua funzione facilmente dimostrabile come agente preventivo per due importanti condizioni: la pellagra della malattia della pelle e alcuni sintomi psichiatrici. Per ottenere l’approvazione fu inventato un nuovo nome: “niacina” (una contrazione selettiva dell’acido nicotinico). È probabile che gli altri due composti raggiungano lo stato vitaminico all’interno del gruppo B, forse in futuro in cui il tabù della nicotina è meno diffuso.

Si ritiene che la nicotina sia l’agente attivo nel fumo che previene le malattie neurodegenerative, le malattie autoimmuni / infiammatorie e alcuni disturbi della funzione cognitiva. Nel 1966, Harold Kahn, un epidemiologo che lavorava per il National Institutes of Health, scoprì un fatto curioso: i non fumatori avevano circa tre volte più probabilità di morire di morbo di Parkinson rispetto ai fumatori. 
Successivamente, oltre 40 studi clinici hanno dimostrato che il fumo protegge dal Parkinson. Maryka Quik, direttore della ricerca presso il Parkinson’s Institute, ha dichiarato:

“Un’enorme letteratura afferma che il fumo protegge dal Parkinson”.

Una malattia autoimmune è così fortemente associata allo stato di non fumatori che è nota come “malattia dei non fumatori” (colite ulcerosa). La ricerca della dott.ssa Newhouse a Vanderbilt mostra che le terapie alla nicotina sono utili in alcuni casi per alcune di queste condizioni e per alcune disfunzioni cognitive.

Sembra quindi probabile che la nicotina dietetica abbia un ruolo nella protezione da alcune condizioni mediche, per alcune persone – forse un certo sottoinsieme genetico. Per queste persone, proprio come l’acido nicotinico previene la grave deformità cutanea della pellagra per alcuni, possiamo scoprire che una significativa integrazione di nicotina può aiutare a prevenire le condizioni neurodegenerative e autoimmuni. 

Il fumo può causare alcune malattie e prevenirne altre

Questa direzione della ricerca sembra molto promettente e le implicazioni potrebbero forse essere prese in considerazione: sappiamo senza ombra di dubbio che il fumo può sia causare alcune malattie sia proteggersi da altre. Questi sono fatti incontrovertibili. Poiché il fumo protegge da alcune gravi malattie (almeno fino al punto in cui il danno supera i benefici) – allora forse nel 21 ° secolo dovremmo considerare modi più sicuri di mega integrazione dell’agente o degli agenti benefici, che sembrano includere la nicotina

Non è assolutamente necessario recarsi nell’industria farmaceutica per l’integrazione dietetica, questi materiali sono tutti prodotti di consumo e lo sono sempre stati. Dovremmo riflettere molto attentamente sui processi legislativi che creano un accesso esclusivo o preferito ai prodotti di consumo per l’industria farmaceutica; in che tipo di mondo è giustificabile?

Propaganda

Il tabù della nicotina e tutta la propaganda che circonda la nicotina ha due vantaggi sostanziali:

  1. Permette all’industria farmaceutica di rivendicare la proprietà della nicotina, dal momento che può essere falsamente descritta come una droga pericolosa, aliena, che crea dipendenza, quando non è una di queste, come si può vedere da quanto sopra. Big Pharma desidera eliminare la concorrenza da vitamine, sostanze nutritive e rimedi a base di erbe e applica vigorosamente la legislazione per affermare che il prodotto è un prodotto farmaceutico o per rimuovere la concorrenza o escluderlo dalla contesa introducendo processi normativi costosi e inutili.
  2. Consente all’industria della sanità pubblica di aggiungere un altro argomento ai motivi della loro esistenza e ai motivi per cui hanno bisogno di finanziamenti. Si aggiunge alle false prove e alle credenze puritane degli ideologi e dei fondamentalisti religiosi che determinano l’agenda e che spesso lavorano inconsapevolmente per l’industria contro il bene pubblico.

Nicotina e vascolarizzazione

Una caratteristica interessante della propaganda usata contro la nicotina è che, in alcuni casi, tenta ridicolmente di usare entrambe le parti dell’argomento. La vascolarizzazione è un esempio:

“La nicotina promuove il cancro perché aumenta il flusso sanguigno e la crescita di nuovi vasi sanguigni, causandone la proliferazione, consentendo così la crescita dei tumori e promuovendo il cancro”.

un’indicazione comune avanzata da ricercatori vicini a fonti di finanziamento che hanno un programma anti-nicotina per i consumatori

E il giorno dopo leggerai l’esatto contrario:

“La nicotina non deve essere utilizzata prima o dopo l’intervento chirurgico perché limita il flusso sanguigno e la crescita di nuovi vasi sanguigni, ostacolando così la guarigione e può comportare il fallimento del trattamento. Pertanto non opereremo su fumatori o vapers.”

sentito a volte dal dipartimento di amministrazione di un ospedale o da un chirurgo

Si può avere l’uno o l’altro, ma non entrambi. Decidetevi, per favore.

Il problema con le bugie è che diventa difficile mantenere la coerenza.

Riferimenti

riferimenti

Le affermazioni che avete appena letto sono il frutto del lavoro di scienziati e medici che quotidianamente indagano su quesi temi.

Le ricerche sono ampiamente documentate, pubblicate e sottoposte a revisione.
Per approfondire ulteriormente potete consultare i link che seguono.

  1. Archives of Toxicology 10.1007 / s00204-013-1127-0, 4 ott 2013.
  2. Il mito della dipendenza da nicotina: molteplici studi clinici sulla nicotina somministrata a non fumatori segnalano un effetto di astinenza pari a zero o un potenziale di dipendenza. Nessun processo ha mai mostrato alcun potenziale di dipendenza:
    a. Studio clinico che esamina l’effetto della nicotina sul danno cognitivo (che ha utilizzato i non fumatori a dosi elevate di nicotina giornaliera per 6 mesi)
    b. Un ulteriore studio sullo stesso argomento.
    Non sono stati rilevati sintomi di astinenza o potenziale di dipendenza (come per tutti gli studi clinici sulla nicotina con non fumatori).
    Il prof Etter afferma che questi studi sulla nicotina con non fumatori hanno mostrato un effetto di dipendenza zero per la nicotina
    c. Davila et al, 1994 – Trattamento alla nicotina per la respirazione disturbata dal sonno
    d. Sandborn et al, 1997a – Trattamento del clistere di nicotina per la colite ulcerosa
    e. Sandborn et al, 1997a – Trattamento transdermico alla nicotina per la colite ulcerosa
    f. Bittoun, 1991 – Trattamento alla nicotina per le ulcere apicali
    g. Kumari et al, 2003 – Effetti cognitivi della nicotina nell’uomo: uno studio di fMRI

“Inoltre, non è stato riferito di una successiva dipendenza da nicotina nei non fumatori che sono stati trattati con nicotina per colite ulcerosa, ulcere apicali e respiro disturbato dal sonno. “

Etter 2007
  1. Risorse assortite relative alla nicotina
  2. La nicotina nella dieta
  3. Indagine sui medici che rivelano una diffusa ignoranza sulla nicotina; Il 44% dei medici del Regno Unito ha ritenuto che la nicotina fosse associata al cancro
  4. Nicotina in medicina
  5. Effetti a lungo termine dell’inalazione di nicotina
  6. Sperimentazione di 2 anni su ratto per inalazione di nicotina
  7. Prova dell’inalatore di nicotina
  8. Effetti antinfiammatori della nicotina nell’obesità e nella colite ulcerosa
  9. Biblioteca di ricerca sulla nicotina DFG
  10. Effetti positivi della nicotina
  11. Trattamento alla nicotina per la colite ulcerosa
  12. Zeller M. Il futuro del regolamento sulla nicotina: domande chiave e sfide . Ricerca sulla nicotina e sul tabacco

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Stefano ha detto:

    Grazie, davvero un ottimo lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *