Cattolici: vaping e religione, capitolo 3

Tempo di lettura: 2 minuti

Pensavo che la parte finale di questa trilogia religiosa sarebbe stata più facile da completare rispetto alle altre due. 
Mi sbagliavo. 
Anche per i cattolici romani, le sigarette elettroniche, sollevano una serie di domande. 
Ho cercato di considerare tutti i dettagli teologici richiesti per tale analisi e incluso il tema del corpo come tempio e quello del peccato. Buona lettura.

Il vaping e i cattolici

Infine, ultimo ma non meno importante nella serie sullo vaping e la religione , oggi diamo uno sguardo alle sigarette elettroniche e al cristianesimo. Puoi svapare come cattolico romano? È interessante notare che la risposta a questa semplice domanda è di gran lunga la più complicata delle tre religioni del Libro.

“Le passioni di per sé non sono né buone né cattive”. – San Tommaso d’Aquino

Lo svapo è consentito, tollerato o un peccato? Dopo aver fatto del nostro meglio per trovare risposte per musulmani e membri della fede ebraica , ho pensato – un po ‘ingenuamente – “Finiremo con i cristiani, e grazie alla mia educazione cattolica sarà un articolo facile da scrivere”. Primo errore. Vista la complessità dell’argomento, ho pensato: “Ebbene, la Chiesa potrà darmi una risposta precisa”. Questo è stato il mio secondo errore.

Dettagli teologici

Perché non puoi capire la posizione del cattolicesimo romano in relazione alle sigarette elettroniche – e con questo non intendo la Chiesa – se non sei pienamente consapevole della sua storia e a che punto si è arrivati.

Perché il Vangelo di Gesù, se lo riassumessi in una parola, sarebbe “scelta”. Il Cristo su cui si basa la fede cristiana non ha lasciato alcun comandamento, ma piuttosto un insegnamento. Ognuno è libero di scegliere o meno la via di Dio, e ognuno è libero di farlo a modo suo.

Dopo Gesù, quindi, viene la Chiesa, la cui missione era insegnare il Santo Vangelo. Per chiarire il messaggio, nel corso della sua storia, canoni e decreti e scismi, il Vangelo è stato trasformato in dottrina ufficiale, cioè un sistema di leggi, regole, doveri e interdetti che non sono emanazione diretta del Vangelo di Cristo, ma della sua interpretazione e trasposizione alla vita laica (vita reale, contrapposta alla vita spirituale).

Inoltre, i comandamenti della Chiesa sono dettati dall’epoca, dal contesto politico, ecc. Tutto questo per dire: non aspettatevi una risposta ferma, chiara e definitiva.

Il corpo come un tempio

Il primo argomento che potresti sollevare è che il tuo corpo è un tempio.

E in questo caso, questo argomento non funziona. Perché se sostieni che il corpo è un tempio dato da Dio al credente religioso, stai suggerendo che il vaping sia dannoso. Pertanto, il problema è il seguente: o lo svapo è, nella mente del vaper, dannoso, nel qual caso non è raccomandato. Mi hai sentito bene – non è consigliato, ma anche non proibito: non dimenticare che la parola chiave nella fede cristiana è “scelta”. Oppure non è dannoso, o non è dannoso come il tabacco, e in questo caso è neutro o consigliato come soluzione temporanea.

Quindi, l’argomento del corpo come un tempio non regge, a meno che tu non sia pienamente consapevole di svapare un liquido che sai contenere sostanze pericolose, come molto raramente accade, fortunatamente.

Peccato

L’altro argomento potrebbe essere il peccato: è più delicato. Se passato alla sigaretta elettronica perché ti diverti – originariamente volevi smettere di fumare, ma provi un senso di soddisfazione dal vaping che ti fa venir voglia di continuare a farlo …

In effetti, non c’è nulla nella filosofia dei cattolici che ti impedisca di godere delle risorse che Dio ha fornito all’umanità sulla Terra. Il vaping è un prodotto dell’intelletto umano e l’intelligenza umana era, secondo i cattolici, un dono di Dio che ci ha creati; il vaping, quindi, rientra in questa categoria. Attenzione però, la gola è un peccato, che può essere interpretato come un consumo eccessivo.

Tuttavia, tutti i preti con cui ho dialogato per questo articolo non hanno fornito una risposta esaustiva quando ho chiesto loro di definire un consumo eccessivo riferendosi al vaping .
 “La completa astinenza è più facile della perfetta moderazione”, secondo sant’Agostino, che però non consiglia l’astinenza: è troppo facile, e priva inutilmente l’umanità del piacere che Dio ha procurato. 
Un minimo di conforto è necessario per la pratica della virtù” aggiunge Tommaso d’Aquino.

Giustificare te stesso davanti a Dio

La soluzione definitiva dipende da ogni individuo.

Come abbiamo già visto, la fede dei cattolici – così come esposta da Gesù – è una questione di scelta e di giudizio personale. Inoltre, il Dio del Nuovo Testamento è disposto al perdono. Pertanto, i cattolici che giungono davanti a Dio nel giorno della resa dei conti per chiedere la vita eterna non hanno nulla da temere dai propri errori se sono stati fatti in buona fede e senza consapevolezza.

In poche parole: se non danneggiano se stessi o gli altri e se il vaping non impedisce loro di seguire i principi cattolici, la solidarietà e la carità, allora non sono in torto, o almeno non commettono alcun peccato per il quale possono non essere perdonati. 
Come dice sant’Agostino:

“È meglio zoppicare per la retta via che camminare con forza nella direzione sbagliata”.

Per come lo comprendo, se non stai facendo del male utilizzando la sigaretta elettronica, e se non ti sta impedendo di fare del bene, allora, non c’è nulla nella fede cristiana che ti obbliga a praticare l’astinenza. Questa è la risposta più specifica che posso darti. Altri precetti possono aggiungere o contraddire questa affermazione, ma sono dottrine applicabili a gruppi che devono seguire un percorso specifico. Beh! libero di scegliere se seguirli o meno.

Come ultima domanda, devi svapare un liquido all’aroma di pesce il venerdì? 
La risposta a questa domanda specifica è chiara: in nessun momento Dio chiede all’uomo di subire volontariamente e gratuitamente sofferenze eccessive. 

Quindi no.

Leave a Reply