L’ecologia dello svapo in 6 mosse

Parliamo di ecologia: 4,5 trilioni di mozziconi di sigaretta inquinano il mondo ogni anno e lo svapo ha contribuito a ridurre tale onere. Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare. In che modo lo svapo può essere il più ecologico?

Pensare e agire a favore della natura e degli ecosistemi è un atto di grande responsabilità, poiché abbiamo a cuore la nostra salute: il pianeta non è solo la nostra casa, è la fonte del nostro sostentamento. 

Rinunciare alle sigarette è una decisione che non riguarda solo ila proprio benessere fisico ma anche l’interazione che abbiamo con l’ecosistema per la quantità di rifiuti che comportano 20 mozziconi di sigaretta gettati, spesso in modo davvero irresponsabile, mediamente ogni giorno da un fumatore.

Svapo ecologico

I vaporizzatori di tabacco sembrano essere molto più ecologici. 

Tuttavia, le dinamiche cambiano e non conta solo il modo di consumare nicotina, ma anche il modo in cui smaltiamo i contenitori, le resistenze e altri “usa e getta”. 

Anche il tipo di dispositivo che utilizziamo influenza la quantità di rifiuti che ne deriva. 

I seguenti sei suggerimenti possono rendere lo svapo un atto più ecologico e responsabile.

Usa dispositivi riutilizzabili

Come fai con una bottiglia d’acqua, la scelta di un dispositivo ricaricabile non solo riduce l’impatto ambientale, ma può anche farti risparmiare denaro. 
Mentre i dispositivi “usa e getta” o monouso sono abbastanza pratici e ora molto più facili da trovare,( il che ha portato a una crescita allarmante del loro consumo soprattutto in altri Paesi), la loro composizione complessiva è qualcosa che causa costernazione.

Ecologia usa & getta

Gli ” usa e getta ” hanno una batteria agli ioni di litio che non può essere ricaricata. 
Sono venduti con la premessa di offrire fino ai 3.000 puff. 
Una volta esaurita, l’intera attrezzatura è inutilizzabile e molto poco riciclabile. 
L’aumento della domanda di batterie al litio genera uno sfruttamento eccessivo di questa risorsa e tempi di produzione eccessivi. 
L’inquinamento che questo provoca non è solo locale o regionale, ma riguarda tutti noi nel mondo.

Infine, il processo di riciclaggio di questi dispositivi richiede molto tempo, poiché il loro contenuto coinvolge più di 5 processi diversi che vanno dal riciclaggio dei metalli al recupero del litio, il che rende più costosi i percorsi di smaltimento dei rifiuti. 
L’alternativa migliore è optare per i dispositivi a batteria ricaricabile, che hanno almeno 2 anni di vita utile, tendono a mantenere una carica maggiore e sono più affidabili, oltre a ridurre drasticamente le spese.

Scegli atomizzatori ricaricabili

I serbatoi ricostruibili, generalmente realizzati in metallo e vetro, sono sicuramente l’opzione migliore nei dispositivi di svapo, in quanto sono resistenti, riutilizzabili e la qualità del gusto e del vapore che forniscono è insuperabile, nonostante la loro configurazione possa essere, inizialmente, complessa. 
I dispositivi con serbatoi di plastica ricaricabili, progettati per l’uso con sali di nicotina, sono diventati molto popolari grazie alla loro praticità e alle dimensioni ridotte. 
Cambiare la resistenza è molto semplice e caricano la batteria in pochi minuti. 
La resistenza è l’unica usa e getta in questo sistema, anche se ogni tanto è necessario cambiare il serbatoio perché, nonostante sia fatto di plastica molto resistente, l’obsolescenza programmata fa parte del business.

Sistemi come Juul  (per citare il più conosciuto) che consistono in cartucce chiuse precedentemente riempite con liquido di diversi gradi di nicotina, sono molto semplici da usare. 
L’acquisto delle cartucce è solitamente semplice e con molta disponibilità, dato che puoi trovarle nei negozi di quartiere e nelle tabaccherie.
 Tuttavia non hanno nulla a che vedere con l’ecologia: le plastiche utilizzate in questi tipi di cartucce non sono solitamente riciclabili o riutilizzabili e non sono biodegradabili, quindi diventano immediatamente un inquinante.

Sebbene si stiano facendo sforzi per chiudere il ciclo, come la creazione di campagne di raccolta delle parti usate, la realtà è che non esiste una catena solida che consenta di smaltire correttamente questi rifiuti.

Riciclare è ecologico!

È importante riciclare se è già utilizzato e scegliere opzioni per ridurre l’inquinamento prima dell’acquisto.

In Europa, l’attuale regolamentazione (TPD) vieta la vendita di liquidi con nicotina in presentazioni superiori a 10 ml, aumentando la quantità di plastica per millilitro stoccata: inutile, inefficiente e inquinanti.
I piccoli contenitori possono però tornare utili per avere con se una scorta di liquido per le assenze prolungate da casa, ad esempio, o per testare quella miscela di aromi che tanto ti ha incuriosito.

Le batterie agli ioni di litio e ai polimeri sono riciclabili. 
La stragrande maggioranza delle città dispone di centri di raccolta per questi articoli, anche nei centri commerciali o nelle catene di vendita al dettaglio. Puoi anche trovare contenitori speciali per smaltire tutti i tipi di batterie. 

A quanto sopra si aggiunge che questa tecnologia consente una maggiore autonomia, potenza e affidabilità.

Le box non più funzionanti possono essere smaltite nelle isole ecologiche messe a disposizione in tutti i comuni o presso i box per i dispositivi elettronici presso le grandi catene di elettrodomestici .

Scollegare i caricabatterie, abbassare la corrente

Una volta che le batterie sono state caricate, è meglio scollegare il caricabatterie dalla presa elettrica. 
in questo modo proteggete la vita dell’apparecchiatura ed evitate un dispendio energetico non necessario. 
Vi raccomando inoltre di caricare le batterie nei momenti in cui è possibile osservare il caricabatterie per evitare che rimanga collegato più a lungo del necessario o per poter essere tempestivi nel caso di un malfunzionamento.

L’utilizzo del vaporizzatore con la corretta impostazione della tensione garantisce un’esperienza di svapo molto piacevole e appropriata, nonché una maggiore durata della batteria, che si traduce in un minor numero di cicli di carica per le batterie.

Ecologia vuol anche dire acquistare locale

L’acquisto locale non solo aiuta a sostenere l’economia del settore, ma riduce anche l’impronta di carbonio che il trasporto lascia dietro di sé per portare il “vapemail”. 
Sebbene i dispositivi , quasi sempre, abbiano fatto il giro del mondo per essere nelle nostre mani, non è necessario continuare con questa catena: sostenere i produttori locali sarà sempre il modo migliore per rafforzare la comunità dello svapo e, per inciso, ridurre l’impronta di carbonio.

L’ecologia dei HNB e heets

I dispositivi scalda tabacco o HNB (Heat not Burn, per il suo acronimo in inglese) hanno avuto una grande accoglienza, anche da parte di alcuni governi e culture come il Giappone , e, seppure in percentuale assai ridotta rispetto al vaping, offrono una riduzione del danno . 

ecologia heets


Tuttavia, questi dispositivi funzionano con piccole sigarette di tabacco inumidite con glicerina vegetale e circa 0,5 mg di nicotina: gli heets. 
La loro struttura è costituita da un nucleo plastico in PLA (acido polilattico, una bioplastica biodegradabile) e da due filtri in acetato di cellulosa, che secondo Philip Morris International (PMI), sono compostabili e biodegradabili. 


Sono una possibile alternativa purché i mozziconi vengano smaltiti correttamente in un bidone della spazzatura.

Lo svapo sta diventando uno strumento accessibile e sicuro per il consumatore. 
L’industria si adopera anche per contrastare l’inquinamento generato dai suoi prodotti e per causare il minor impatto possibile sull’ambiente. 

Tuttavia, come utenti dobbiamo prendere le giuste decisioni prima di consumare un prodotto, cercando sempre sicurezza e efficacia senza dimenticare il tema dell’ecologia

.

Leave a Reply