I rapporti finanziari 2019 di FSFW

FSFW

La Foundation for a Smoke-Free World (FSFW) ha pubblicato i suoi rapporti finanziari per il 2019, scaricabili dal sito web della FSFW. Definisce il 2019 “un anno di successo e di impatto” e afferma che “i rapporti riflettono il nostro impegno nella ricerca e nelle iniziative che accelerano la fine dei prodotti tossici del tabacco”.

La FSFW è spesso accusata dai controllori del tabacco di essere una copertura per Big Tobacco e di condurre segretamente una campagna di PR per promuovere i prodotti del fumo.
Come ha spesso sottolineato, i suoi termini di funzionamento proibiscono a Philip Morris International, il suo unico contribuente, di avere voce in capitolo in quello che fa.
Inoltre, gli obiettivi dell’ente di beneficenza sono chiari: ridurre i danni legati al tabacco.

Cosa raccontano i rapporti finanziari 2019 di FSFW

I rapporti mostrano che dalla singola donazione di 80 milioni di dollari, l’ente ha aumentato la spesa per le donazioni del 500% rispetto all’anno precedente, per un totale di 41 milioni di dollari, portando la spesa per le donazioni a 160 milioni di dollari circa.

Maturando come ente, ha ridotto le spese operative (comunicazioni, legali e spese di viaggio) durante il secondo anno di attività.

Le risorse sono state destinate ai pilastri strategici della Fondazione:

  • Salute, Scienza e Tecnologia
  • Agricoltura e mezzi di sussistenza
  • Trasformazione dell’industria

FSFW parla con orgoglio di come ha concesso sovvenzioni “a un certo numero di ricercatori di fama mondiale che sono alla guida di progetti innovativi per la disassuefazione dal fumo e la riduzione del danno“.
Molti hanno anche pubblicato rapporti di ricerca e contribuito ad articoli sottoposti a revisione paritetica”.

“Nel 2019, abbiamo anche ampliato i nostri sforzi per preparare gli agricoltori a un’era di riduzione della domanda di tabacco, sostenendo una serie di programmi di trasformazione agricola.
In Malawi, ad esempio, abbiamo sostenuto il secondo vertice annuale sulla trasformazione agricola, nonché ulteriori iniziative di diversificazione delle colture che possono servire da modello per altre economie dipendenti dal tabacco.
Infine, le nostre sovvenzioni hanno facilitato la ricerca in diverse aree critiche, tra cui l’identificazione di biomarcatori dell’uso del tabacco e lo sviluppo di servizi di cessazione itinerante per le comunità rurali”.

“Attraverso queste e altre iniziative, la Fondazione sta lavorando intensamente per raggiungere la sua missione fondamentale di porre fine al fumo in questa generazione”.

I documenti contabili mostrano dove sono stati spesi i soldi, tra cui:

  • ECLAT, una “research based company” spin off dell’Università degli Studi di Catania ha ricevuto $ 8,036,493 per la “progettazione e sviluppo di prodotti alternativi e dai rischi ridotti rispetto al fumo di sigaretta
  • la Rete internazionale delle organizzazioni dei consumatori di nicotina (INNCO) ha ricevuto $ 159.900 per sviluppare un piano aziendale per INNCO, che mira a ” rappresentare i consumatori di prodotti alternativi a basso rischio e alla nicotina e a promuovere la riduzione del danno da tabacco sulla scena globale “
  • Knowledge Action Change Limited, Londra, ha ricevuto $ 1.378.366 per estendere il programma di borse di studio sulla riduzione del danno del tabacco per studenti e tutor nei paesi a basso e medio reddito e per consolidare la posizione dello stato globale di riduzione del danno del tabacco come fonte affidabile di solida, obiettiva, e informazioni indipendenti sulla riduzione del danno del tabacco.

Altre organizzazioni possono essere visualizzate nella dichiarazione dei redditi annuale.

Fonti

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *