OMS: la sua posizione sul vaping potrebbe costare milioni di vite

L’opposizione dell’OMS al vaping le permette di premiare i ministri per aver vietato le sigarette elettroniche. Questo è incredibilmente pericoloso.

Il fumo ti fa male. Molto male. 

No sul serio. Il fumo è sorprendentemente dannoso per te. 

L’opposizione dell’OMS al vaping premia i divieti

Qualcosa come il 15% di tutti i decessi nel mondo è attribuibile al fumo di tabacco: circa 8 milioni di morti l’anno, su circa 55 milioni . 
Nella sola India, probabilmente contribuisce a circa 800.000 morti all’anno, se i miei calcoli ( 9% di tutti i decessi in India ; circa sette persone muoiono ogni 1.000 in India all’anno; 1,3 miliardi di persone in India) sono corretti.

opposizione dell'OMS al vaping premia

Cito l’India in particolare perché l’OMS ha appena conferito al dottor Harsh Vardhan, un funzionario del Ministero della salute e del benessere familiare indiano, un premio quale “riconoscimento speciale per il controllo del tabacco”. 

“La sua leadership è stata determinante nella legislazione nazionale del 2019 per vietare le sigarette elettroniche e i prodotti del tabacco riscaldati”, ha twittato il segretario generale dell’OMS, il dottor Tedros Ghebreyesus. “Grazie, ministro!”

L’opposizione dell’OMS al vaping non ascolta ragioni

Secondo una revisione della letteratura effettuata dall’autorevole Cochrane Collaboration, le sigarette elettroniche sono molto efficaci nell’aiutare le persone a smettere: circa 10 persone su 100 che usano le sigarette elettroniche per cercare di smettere di fumare hanno successo, rispetto a circa sei su 100 che usano cerotti alla nicotina, e circa quattro che smettono di colpo.

Naturalmente, se smetti di fumare con il vaping, ma il questo è altrettanto dannoso per te, allora passi dalla padella alla brace. Ma non è così. La revisione della Cochrane non ha trovato “alcuna chiara evidenza di danno”, anche se solo nei primi due anni di utilizzo; Public Health England dice che le sigarette elettroniche sono il 95% meno dannose del fumo, e una revisione PHE delle prove suggerisce che hanno lo 0,5% di probabilità di causare il cancro.

Cancer Research UK afferma:

“Le prove finora indicano che le sigarette elettroniche sono meno dannose del fumo di tabacco e possono essere uno strumento efficace per smettere”.

L’associazione anti-fumo ASH usa la statistica del 95% di danno in meno e concorda sul fatto che sono efficaci nell’aiutare le persone a smettere. Sottolinea anche che non ci sono prove di danni dal fumo passivo delle sigarette elettroniche o che il vaping sia un passaggio per il fumo vero e proprio (le teorie del “gateway”” sono di solito spazzatura comunque).

Tutti affermano che gli effetti a lungo termine sono sconosciuti, ma poiché gli effetti a lungo termine del fumo vero e proprio sono noti, e sono straordinariamente cattivi, è una scommessa molto sicura che, se ci sono effetti a lungo termine, non sono neanche lontanamente paragonabili a quelli del fumo.

Un recente studio pubblicato sul BMJ per valutare cosa accadrebbe se tutto il fumo fosse sostituito dal vaping, ha scoperto che salverebbe tra 1,6 milioni e 6,6 milioni di vite in 10 anni solo negli Stati Uniti.

Vale la pena notare che la comunicazione pubblica riguardo il vaping è stata assolutamente terribile.
Due indagini (1, 2) hanno evidenziato che, mentre le persone pensavano, correttamente, che il vaping fosse molto meno pericoloso del fumo, ora spesso pensano che sia altrettanto rischioso.
La revisione delle prove del PHE dice che è importante “comunicare la grande differenza nel rischio relativo senza ambiguità, in modo che più fumatori siano incoraggiati a passare dal fumo al vaping”, ma questo è chiaramente venuto meno.

L’opposizione dell’OMS al vaping si manifesta nella disinformazione

opposizione dell'OMS al vaping su twitter

Perché?
Perché (tra le altre cose) l’Organizzazione Mondiale della Sanità continua a dirci che il vaping fa male! Sorprendentemente, in una sessione di domande e risposte dell’anno scorso, l’OMS ha affermato che non fosse chiaro se il vaping fosse più sicuro del fumo (un ricercatore sulla dipendenza dal tabacco, comprensibilmente, ha definito quel Q&A “maligno” e “palesemente disinformativo”).

opposizione dell'OMS al vaping 31 maggio 2021

Lunedì dicevano alla gente di non cambiare.

Nel febbraio dell’anno scorso hanno affermato:

“Sia i prodotti del tabacco che le sigarette elettroniche pongono dei rischi per la salute e l’approccio più sicuro è quello di non consumare nessuno dei due”.

Non so di certo cosa sia successo per rendere l’OMS così implacabilmente contraria al vaping anche se qualche ipotesi in merito ho gia avuto modo di esprimerla.

Nessuno pensa sensatamente che il vaping sia senza rischi, ma è ovviamente molto, molto più sicuro del fumo, e chiaramente efficace nell’aiutare le persone a smettere.

Stanno facendo diventare il prodotto perfetto il nemico del bene, come quelle stupide campagne americane che cercano di fermare le malattie sessualmente trasmissibili e le gravidanze adolescenziali attraverso l’astinenza.

(E non ho nemmeno menzionato il fatto che ad alcune persone piace il vaping; quindi c’è una piccola quantità di rischio che considerano accettabile, proprio come molti accettano un piccolo rischio dal bere alcolici o dal mangiare cibi malsani. Più realismo e meno ipocrisia please!)

L’OMS fa un lavoro importante.

Non è stata assolutamente perfetta durante Covid, ma non è stata di certo peggiore di molte altre istituzioni.
Ma è stranamente (??) terribilmente, terribilmente scorretta sul vaping e non è un’iperbole dire che questa strana e terribile cattiveria potrebbe uccidere migliaia o addirittura milioni di persone.

Dare alla gente premi per il controllo del tabacco per aver vietato il vaping è come assegnare un premio Nobel per la pace per aver vietato la diplomazia.

Leave a Reply