Pippa Starr: i maiali non salvano vite, sono pancetta!

pippa starr
Tempo di lettura: 2 minuti

Pippa Starr : “La gente ha bisogno di sapere che c’è un’enorme ondata di persone che smettono di fumare con metodi alternativi di rilascio della nicotina molto più sicuri e praticabili”

Su questo post

Ospito con piacere questo articolo di Pippa Starr ( che ringrazio per la disponibilità) per due diverse ragioni.

La prima è che ci permette di conoscere quanto sta accadendo in Australia rispetto al tema del vaping e della riduzione del danno.


Avevamo già visto in passato quanto la posizione manichea del governo rendesse davvero difficile, per i vapers di quella nazione, acquistare la nicotina senza rivolgersi ad un inevitabile mercato illegale.
Con questo testo scopriamo anche come, attraverso costanti attacchi, si tenti di soffocare il dibattito sul tema che si sviluppa sui social, con metodo e notevole determinazione.

Quello di Pippa Starr è un urlo di indignazione ma non solo.


E’ anche, seconda ragione, un forte invito a “non sporcarsi di fango”, abbandonando il finto dialogo intrapreso dagli attivisti anti-vaping per convogliare energie e risorse nel testimoniare, in prima persona, quali innegabili vantaggi il vaping comporti, in termini di vite umane.

Un invito all’azione, individuale e di associazione, valido in tutto il mondo.

Chi è Pippa Starr

Pippa Starr vive in Australia e si definisce “commentatrice sociale e oratrice pubblica” . I suoi interventi su Twitter offrono alcuni punti di vista sorprendenti e incitano ad argomenti audaci, oltre a incoraggiare gli altri a fare tesoro e condividere le loro storie uniche. 

“La gente mi ha detto che dovrei entrare in politica, ma mi piacciono gli altri non voglio fili attaccati alle mie braccia e credo di poter avere un impatto maggiore attraverso il potere delle persone”

I maiali non salvano vite, sono pancetta!

Pippa Starr

È solo l’inizio del 2021 e gli attivisti anti-vaping non hanno perso tempo nel moltiplicare i loro sforzi per cercare di distruggere chiunque possano trovare che supporti una maggiore accessibilità a sistemi di erogazione della nicotina più sicuri del fumo.
La lotta nel fango, assolutamente immatura, non si è affatto attenuata nelle ultime settimane all’interno del dialogo condiviso dai movimenti estremisti anti-vaper in Australia.

È una sfida di dialogo a senso unico in cui coloro che supportano e sostengono una vita più sana con la somministrazione di nicotina più sicura ed efficace, cercano di immaginare perché qualcuno dovrebbe essere contro le alternative più sicure come il vaping. Mentre gli estremisti Anti-vaping perlustrano la twitter-sfera in cerca di “momenti gotcha” per un impedimento al dialogo con gli attivisti pro Vaping.

Senza dubbio ci sono momenti in cui il dialogo intercorso tra le due fazioni che alla fine dovrebbero lottare per la stessa cosa si scalda, ma la comunicazione a senso unico non è mai stata la risposta per ottenere risultati positivi.
La guerra scatenata contro coloro che hanno lottato duramente per impedire al governo australiano di fissare 3 diverse date per il divieto di importazione della nicotina negli ultimi 10 mesi, ha raggiunto livelli che non sono altro che una distrazione per cercare di ridurre l’orribile tragedia dei 21.000 fumatori che muoiono ogni anno in Australia a causa del fumo.

Non mentirò, mi sono ritrovata a volte ad essere coinvolta e distratta, in questo dibattito emotivo, da ciò che veramente conta di più: salvare le persone dalla morte prematura causata dal fumo!

Non mi farò più trascinare nel loro fango!

Per quanto mi riguarda non c’è più nessuna battaglia o guerra intorno al tema delle opzioni praticabili più sicure per aiutare la gente a smettere di fumare.

Ci sono quelli che abbracciano la realtà e quelli che non lo fanno e causano morti inutili. Coloro che desiderano giocare a giochi di distruzione delle persone e provocare un dialogo deviato dal vero argomento in questione stanno perdendo tempo mentre la vita delle persone viene stroncata, è così, semplicemente.

È diventato estremamente triste che coloro che dietro le quinte consigliano il governo australiano su come ridurre il tasso di fumo abbiano fallito, ma è altrettanto triste vedere gli stessi responsabili disimpegnarsi dal dialogo aperto con i fumatori e i vapers.

Il dibattito intorno al vaping in Australia è diventato tutto fuorché un problema di salvare vite da alcuni maiali profondamente cattivi!
Pensare che il nostro dipartimento della salute del governo e il ministro della salute possano stare seduti e sapere che questo sta accadendo è profondamente inquietante.

Perché succede questo?
Perché è consentito che accada?

La risposta a queste domande non ha davvero importanza una volta che si è concentrati sull’unica cosa che conta davvero e che è la cura di persone reali con vite reali che hanno bisogno di ottenere soluzioni più sane in modo che possano avere la possibilità di sperimentare una vita migliore.

La scienza è lì, i risultati intorno alle alternative di nicotina più sicure sono chiari.

Il modo più efficace (almeno il 60%) e più popolare per smettere di fumare è con almeno il 95% più sicuro è il vaping con nicotina.
Non c’è stata nessuna morte, nessuna malattia cardiaca, malattia polmonare, cancro o qualsiasi altra malattia debilitante per la vita da QUALSIASI sistema alternativo di consegna della nicotina come il vaping e i dispositivi “heat not burn”.

Quelle persone che scelgono di ostacolare l’inevitabile risultato dei sistemi alternativi di distribuzione della nicotina che soppiantano i più dannosi prodotti da fumo combustibili, alla fine si troveranno a dover affrontare le loro bugie e la loro propaganda a loro spese.

Ma, come con ogni narcisista malvagio ed egoista, avete la scelta di nutrire quell’animale o no.
Fermarsi per nutrire quell’animale non farà altro che rallentare il progresso positivo e saltando nel fango con i maiali potrete solamente sporcarvi e i maiali si divertiranno più di voi!

Ci sono scelte su come impegnarsi al meglio con altri fumatori, vapers e legislatori in Australia. Si può rimanere bloccati nel fango del recinto dei maiali con coloro che stanno ovviamente reprimendo i risultati positivi per la salute o diventare la soluzione cancellando il viaggio nel recinto dei maiali.

È passato il tempo di cancellare i maiali dalla conversazione indispensabile che gli australiani devono assolutamente conoscere. La gente ha bisogno di sapere che c’è un’enorme ondata di persone che smettono di fumare con metodi alternativi di rilascio della nicotina molto più sicuri e praticabili e chi mai si metterà in mezzo a questo salvare vite, non importa quale sia la loro intenzione, sarà cancellato da coloro che si preoccupano veramente delle vite!

È ora di svuotare il porcile e cancellare i maiali!

Articolo originale di Pippa Starr

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *