6 risposte alla propaganda anti nicotina

La quantità di propaganda e fake news che circonda la nicotina è considerevole. Proviamo ad esaminare i miti più citati creati dalla propaganda.


 

La nicotina crea dipendenza

Questa è un’opinione senza prove a sostegno, e in questa situazione qualsiasi opinione è valida. Tuttavia, tale affermazione è probabilmente errata su più livelli:

  • L’uso del termine “dipendenza” è deliberatamente emotivo e utilizzato allo scopo di infiammare il dibattito quando è applicato ad un comportamento per il quale il danno è impossibile da misurare in modo affidabile; 
  • “Dipendenza” viene utilizzato quando è probabile che l’uso o il consumo causi un danno di qualche tipo identificabile in modo affidabile (ad es. dipendenza dal gioco d’azzardo, dipendenza da crack).
  • Non ci sono prove che la nicotina crei dipendenza tranne che nel fumo di tabacco insieme a un mix di 9.600 altri composti[1]Rodgman, Perfetti 2013 identifica 9.600 composti nel tabacco/fumo. Descrivere un singolo elemento da un elenco di 9.600 come responsabile dell’intero è un grossolano errore logico. Il ketchup potrebbe essere fatto per creare dipendenza seguendo questa logica.

Non c’è alcuna prova che la nicotina abbia un potenziale significativo di dipendenza al di fuori del fumo di tabacco, e chiunque ti dica che può creare dipendenza sta offrendo un’opinione personale non supportata o è male informato. 

Nel caso di un esperto ben informato, siamo certi riguardo la conoscenza della mancanza di prove che la nicotina (di per sé) crei dipendenza e che, al contrario, ci sia un corpo di prove aneddotiche che dimostrano il contrario.

Potrebbe quindi essere difficile evitare l’interpretazione che la dichiarazione sia una menzogna deliberata, specialmente quando appaiono finanziariamente in conflitto (ad esempio se il loro impiego o il loro finanziamento dipendono da alcuni aspetti della sanità pubblica o dalle sovvenzioni dell’industria farmaceutica).
 

Ci sono molte prove che la nicotina crea dipendenza

No, non ci sono prove del genere. 

Ci sono molte prove che il fumo crea dipendenza, ma poiché il fumo di tabacco contiene migliaia di composti [2]Tutte le citazioni portano a studi clinici sul fumo – irrilevanti in quanto ci sono altri 9.600 composti nel tabacco, misurati nel primo trimestre 2014; o a prove con fumatori o ex fumatori – … Prosegui la lettura, affermare che uno di quei composti provochi dipendenza non ha validità scientifica fino a quando non viene testata .

Ma non ci sono test: poiché non esiste uno studio clinico pubblicato sulla nicotina (non sul fumo di tabacco) e, ovviamente, sui non fumatori (poiché sappiamo che il fumo provoca dipendenza, quindi non è necessario testarlo – questo è già stabilito), allora è ovvio che non esistono prove. 
In effetti, le prove disponibili ci portano in direzione opposta: è stato dimostrato aneddoticamente che la nicotina non ha alcun potenziale di dipendenza.

Non esiste un singolo studio clinico pubblicato sulla somministrazione di nicotina a non fumatori allo scopo di determinarne il potenziale di dipendenza. 

Chiunque affermi di essere esperto nel settore e ti dica che esiste un tale processo pubblicato è male informato (o un bugiardo) – e quindi difficilmente può affermare di essere un esperto, dal momento che non conosce le basi e la sua conoscenza sembra fondata sulla propaganda.

Prova a chiedere un riferimento a uno studio clinico che esamini il potenziale della nicotina di causare dipendenza nei non fumatori (unico metodo valido): non esiste. 

Tutte le citazioni portano a prove di dipendenza dal fumo o in cui i soggetti sono fumatori (o ex fumatori). Una persona che è già dipendente dal fumo non può essere utilizzata come soggetto in una sperimentazione per determinare il potenziale di un composto nel fumo di tabacco nel creare dipendenza: questo è un principio logico di base e non può essere evitato.

Si noti che nella terminologia medica, un ex fumatore equivale ad attuale fumatore; un “mai fumatore”, al contrario, è uno che non ha mai fumato, e la classe che ovviamente deve essere utilizzata per testare qualsiasi potenziale dipendenza dalla (pura) nicotina.

Ci sono dozzine di studi clinici sulla nicotina, tutti che mostrano la sua capacità di formare dipendenza

No – non ce ne sono. 

Ci sono molte prove con fumatori o ex fumatori ma ho già spiegato perché questa tipologia di soggetti è irrilevante[3]Si ritiene che la dipendenza dalla nicotina causata dal fumo sia dovuta a composti aggiuntivi nel tabacco come gli IMAO, e si ritiene che questi agiscano come sinergici e causino cambiamenti … Prosegui la lettura.
 Un processo, per qualificarsi come “un processo alla nicotina”, deve riguardare la somministrazione di nicotina pura a non fumatori. 

Altrimenti, chiaramente, non ha rilevanza.

Tuttavia, ci sono circa sei studi clinici identificati finora, di questo tipo, in cui la nicotina è stata somministrata a non fumatori, per altri scopi. (La somministrazione ai fumatori abituali è irrilevante.)

cerotto nicotina

Questi studi si sono svolti per valutare gli effetti benefici della nicotina su determinate condizioni mediche come la disfunzione cognitiva e le malattie autoimmuni. 

Nonostante le alte dosi somministrate per diversi mesi, nessun soggetto ha manifestato effetti di astinenza, o sintomi di dipendenza, o ha continuato a usare nicotina in seguito. 
In questi studi, di fatto, è stato dimostrato che la nicotina non ha alcun potenziale di dipendenza. 

Va sottolineato che si tratta di nicotina pura, non tabacco con nicotina o fumo di tabacco con nicotina, e i soggetti non avevano mai fumato: a noi interessano solo gli effetti della nicotina,

Questi risultati sono considerati solo prove aneddotiche, perché lo scopo delle prove non era quello di indagare su questo problema. 

Comunque sia, ora sappiamo che :

  • Ci sono diverse prove che coinvolgono la nicotina pura data ai non fumatori
  • Nessun soggetto ha mostrato alcun segno di dipendenza
  • Non ci sono prove rispetto alla nicotina pura somministrata ai non fumatori in cui è stata segnalata dipendenza
  • Non c’è chiaramente alcun problema con i comitati etici per quanto riguarda la somministrazione di alte dosi di nicotina per molti mesi a non fumatori, poiché tutti questi studi effettuati per altri scopi hanno fatto esattamente questo.

Potresti considerare questa come una prova aneddotica, che è la definizione accettata di prove acquisite da studi su altre questioni; oppure puoi considerarla un’informazione abbastanza utile poiché non c’è altra fonte che fornisca risultati diversi.

Oltre a questo, puoi interrogarti sul motivo per cui nessuno ha mai pubblicato uno studio clinico che:
– Somministrava nicotina pura a non fumatori per esaminare qualsiasi potenziale di dipendenza
– Mostrava che, dopo averlo fatto, la nicotina ha effettivamente un potenziale di dipendenza

A maggior ragione sapendo, senza ombra di dubbio, che:
 (a) questo tipo di studi vengono eseguiti regolarmente
 (b) non ci sono problemi con i panel etici
 (c) una analisi di questo tipo, se riportasse la dipendenza come risultato, sarebbe strepitosamente utile per molti, molto ben finanziati, gruppi di pressione.

È difficile evitare la conclusione che tali studi abbiano effettivamente avuto luogo, ma i risultati non sono stati vantaggiosi per l’agenda commerciale/politica dei finanziatori. 

Dopotutto, niente sarebbe più facile da dimostrare, secondo la narrazione attuale – e sappiamo che analisi simili vengono eseguite regolarmente, quindi non c’è chiaramente alcun problema etico. 

Questo singolo fatto da solo è quasi sufficiente per dimostrare che la nicotina probabilmente non ha un potenziale dimostrabile di dipendenza. 

Quando a questo si aggiunge il fatto che sappiamo che sono state effettuate sperimentazioni per altri scopi in cui una dose equivalente a 18 sigarette al giorno è stata somministrata a non fumatori per 6 mesi, con effetto zero, allora potremmo concludere, a ragion veduta, che la nicotina non ha alcun potenziale di dipendenza se consumata al di fuori del fumo di tabacco.
 

La nicotina è altamente tossica

No, probabilmente non è molto più tossica di altri normali elementi della dieta. 

Nell’ottobre 2013, il professor Mayer di Graz ha dimostrato che la tossicità della nicotina è stata ampiamente sopravvalutata; che non ci sono prove per l’attuale LD50[4]In tossicologia il termine DL50 sta per “Dose Letale 50” (in inglese LD50 da “Lethal Dose 50”) e si riferisce alla dose di una sostanza, somministrata in una volta … Prosegui la lettura; che nessuno è mai morto a causa del consumo di una dose equivalente all’attuale DL50; e che le persone sopravvivono abitualmente al consumo di dosi molte volte superiori all’attuale LD50 senza effetti negativi di cui parlare.

Questa è stata la prima revisione completa delle prove a sostegno dell’attuale DL50; e di conseguenza (poiché Mayer riferisce che non ce n’è alcuna), la DL50 dovrà essere aggiustata verso l’alto fino a un fattore di 20 (in linea con la sua ricerca su ciò che costituisce una dose fatale dimostrata). 

Anche così, si applica ancora solo a determinati metodi di somministrazione come l’iniezione, perché è stato ampiamente provato che le persone possono ingerire una quantità molto grande di nicotina e non subire effetti duraturi[5]Non sappiamo ancora quale sia la DL50 per la nicotina *ingerita*, perché l’ingestione di nicotina senza soppressione del riflesso del vomito non è ben dimostrata come fatale negli adulti. Al … Prosegui la lettura; sebbene a quanto pare il dolore addominale conseguente si di una certa importanza, l’assunzione di nicotina (ingerlandola) innesca un riflesso del vomito negli adulti e il materiale viene quasi interamente espulso.

“La nicotina è un materiale tossico perché se ne ingerisci molta, il vomito prolungato per espellerla e il dolore addominale sono gravi”. 

Questa affermazione è vera.
 

La nicotina è una sostanza chimica che crea dipendenza, altamente tossica, pericolosa e aliena, dovrebbe essere evitata

Difficile capire da dove cominciare per questa affermazioni…

Crea dipendenza? 
No: non ci sono prove che supportino questa affermazione. 
Inoltre, attualmente non sarebbe corretto descriverla come “assuefazione” poiché non è possibile dimostrare alcun danno per la persona media.

È “altamente tossica”?

 No.
La nicotina è certamente tossica, proprio come molti normali ingredienti alimentari e medicinali. Infatti l’unica differenza tra un nutriente o un medicinale e un veleno è la dose assunta. 

“La dose fa il veleno”, come i medici sanno da più di 2000 anni, quindi non è esattamente una novità. 
Inoltre, ora sappiamo dal lavoro del professor Mayer (che è l’unica analisi della tossicità della nicotina negli esseri umani) che è molto meno tossica di quanto suggerisca la letteratura medica attuale. 

L’attuale DL50 è circa 20 volte troppo bassa e sarà difficile stabilire una DL50 per la nicotina ingerita poiché sembra difficile o impossibile per un adulto non anestetizzato ingerire una dose fatale (poichè viene espulsa per riflesso).

 I bambini sono una questione diversa, considerando che il riflesso del vomito può essere assente.

È pericolosa? 

È pericolosa in grandi quantità, proprio come molti altri normali ingredienti alimentari come la vitamina A, la vitamina D o il ferro. 

La dose fa il veleno: puoi ucciderti con un’overdose di uno qualsiasi dei tanti normali componenti della dieta. 

In effetti uno scienziato sarebbe ancora più severo con questa definizione: tutto è tossico; puoi morire per un’overdose di qualsiasi cosa praticamente di tutto.

È “aliena”? 

Difficilmente: la nicotina è un ingrediente normalmente contenuto nei cibi e probabilmente dovresti chiederti quali sono i motivi che potano ad affermare il ​​contrario. 

Ogni test clinico su larga scala per determinare la presenza di nicotina nel corpo ha sempre – senza eccezioni – riportato che tutti i soggetti risultano positivi alla nicotina. 

L’ultimo test di questo tipo è stato effettuato su 800 persone dal CDC negli Stati Uniti[6]I CDC hanno fatto del loro meglio per nascondere questa sperimentazione clinica in quanto non è d’accordo con la loro agenda politica. Non è disponibile alcun collegamento online sebbene lo … Prosegui la lettura.

Dovrebbe essere evitata? 

Questo sarebbe difficile, del tutto inutile e forse dannoso: la nicotina è un componente abituale e naturale nella nostra alimentazione, tutti risultano positivi ad essa, è innocua nella dieta ed è strettamente associata al gruppo della vitamina B. 
Una forma di nicotina è la vitamina B3 (acido nicotinico). 

La nicotina e l’acido nicotinico condividono diversi effetti nell’organismo umano (come il miglioramento della funzione cognitiva in alcune circostanze), sebbene una carenza di acido nicotinico possa portare a pellagra (una grave deformità della pelle) e sintomi psichiatrici. 

nicotina nella melanzana

La nicotina è presente in molte verdure come pomodori e patate (membri della famiglia delle Solanacee), dove è co-localizzata con la vitamina B3, oltre ad altri alimenti come il tè . 

Melanzane e ketchup ne contengono alti dosi, sebbene le quantità siano dietetiche, vale a dire piuttosto piccole in termini assoluti e normalmente insufficienti per aumentare il livello di nicotina plasmatica a più di 2 ng/gm (il più alto livello di nicotina plasmatico di fondo misurato in un non fumatore la cui dieta è perfetta). 

Per quanto riguarda “evitare” la nicotina, ipotizzando di riuscirci, magari rinunciando a qualsiasi verdura e assumendo invece degli integratori, non sarebbe comunque una buona idea. 

Perchè alla fine scopriamo che i componenti attivi nella mostra alimentazione hanno un effetto benefico. 

Poiché è stato dimostrato che la nicotina aiuta con la funzione cognitiva e in alcune condizioni mediche, come le malattie autoimmuni, allora, forse, questa domanda viene posta nel modo sbagliato.

Forse dovrebbe essere:

“Quali sono gli effetti della rimozione di un normale componente attivo della nostra alimentazione? Può portare a problemi di funzione cognitiva o ad altre condizioni mediche?”. 

Questa è una domanda ipotetica, ma consequenziale al chiedersi se sia necessario evitare di assumere alimenti che contengono nicotina.

Quindi l’affermazione iniziale è propaganda, probabilmente con una sorta di motivo finanziario o ideologico, non ha alcun fondamento nella realtà e soprattutto è irrilevante (o dannosa) in un contesto sanitario.


Dai da mangiare al tuo bambino la nicotina

Questo sembra un punto importante da chiarire: nessuno è mai stato così stupido o squilibrato da suggerire che nutrire il tuo bambino con le verdure schiacciate è una pessima abitudine.

Le verdure contengono nicotina. 
Non solo non c’è niente di sbagliato in questo ma è decisamente opportuno perché:

(a) La nicotina è strettamente associata al gruppo della vitamina B e cercare di rimuoverla creerebbe probabilmente carenze nutrizionali;

(b) Alla fine si scopre che gli ingredienti dietetici attivi hanno un beneficio o non farebbero parte della dieta.

(c) Gli ingredienti alimentari con cui normalmente ci nutriamo non sono generalmente descritti come indesiderabili[7]Parte della guerra di propaganda contro la nicotina dipende dal fatto che sia descritta come “un prodotto chimico altamente tossico, che crea dipendenza, pericoloso e alieno”. Ovviamente non è … Prosegui la lettura.


La nicotina provoca/ promuove/favorisce il cancro.
La nicotina provoca malattie cardiache.
La nicotina causa malattie vascolari, ecc.

Questo è un gruppo di bugie che possono essere affrontate tutte allo stesso tempo. 

La nicotina non è associata a cancro o malattie cardiache. 

Chi ti dice il contrario è male informato[8]Un recente sondaggio tra medici britannici e svedesi ha mostrato che il 44% dei medici britannici pensava che la nicotina fosse associata al cancro. La maggior parte pensa che la nicotina sia uno … Prosegui la lettura.

Il NICE del Regno Unito (l’organizzazione ufficiale di orientamento clinico per i medici), in PH45, lo afferma chiaramente. 

La FDA degli Stati Uniti non considera più la nicotina dannosa o “che crea dipendenza” e rimuoverà gli avvertimenti dai medicinali che in precedenza mettevano in guardia su questo.

I consumatori di Snus in Svezia ci hanno fornito una montagna di dati su questo argomento[9]Lo snus è un prodotto del tabacco orale locale che non viene masticato, è appositamente lavorato per rimuovere la maggior parte degli agenti cancerogeni e fornisce quantità significative di … Prosegui la lettura

I fumatori che passano allo Snus hanno gli stessi risultati sulla salute dei fumatori che smettono completamente: clinicamente parlando, il consumo di Snus è considerato equivalente a smettere. 

A causa dell’enorme mole di dati e poiché non è possibile attribuire alcuna conseguenza clinica significativa al consumo di Snus, si ritiene che il consumo di nicotina a lungo termine non abbia alcun risvolto clinico importante. 

Sappiamo anche che anche l’utilizzo di NRT ci fornisce risultati analoghi anche se, in questo caso, il tempo di osservazione è più breve ( questi prodotti sono in commercio da meno tempo rispetto allo Snus seppure in scala maggiore).

Si noti che il consumo di tali prodotti non può essere “assolutamente sicuro” o “innocuo”, così come non può esserlo nemmeno il consumo di caffè; semplicemente dimostra che eventuali danni, anche a lungo termine, sono inferiore a livelli clinicamente significativi e in effetti non possono essere identificati e quantificabili in modo affidabile.
 

Tutto ciò che pensavi di sapere sulla nicotina probabilmente non è solo sbagliato, è molto probabilmente l’opposto della verità.


Benvenuto nel mondo della propaganda: hai appena avuto la tua prima lezione su quanto sia facile convincere la popolazione a credere il contrario della verità.


 

Riferimenti

Riferimenti
1 Rodgman, Perfetti 2013 identifica 9.600 composti nel tabacco/fumo
2 Tutte le citazioni portano a studi clinici sul fumo – irrilevanti in quanto ci sono altri 9.600 composti nel tabacco, misurati nel primo trimestre 2014; o a prove con fumatori o ex fumatori – irrilevanti perché sappiamo che il fumo provoca dipendenza e, comunemente, dipendenza dalla nicotina, a causa di cambiamenti presumibilmente irreversibili o difficili da invertire nella chimica del cervello.
3 Si ritiene che la dipendenza dalla nicotina causata dal fumo sia dovuta a composti aggiuntivi nel tabacco come gli IMAO, e si ritiene che questi agiscano come sinergici e causino cambiamenti permanenti o semi-permanenti nella chimica del cervello. 
Diversi professori hanno affermato che la nicotina di per sé non crea dipendenza (che è comunque un’opinione, a causa della mancanza di prove concrete in entrambi i casi).
4 In tossicologia il termine DL50 sta per “Dose Letale 50” (in inglese LD50 da “Lethal Dose 50”) e si riferisce alla dose di una sostanza, somministrata in una volta sola, in grado di uccidere il 50% (cioè la metà) di una popolazione campione di cavie (generalmente ratti, ma anche altri mammiferi come cani, quando il test riguarda la tossicità nell’uomo).
5 Non sappiamo ancora quale sia la DL50 per la nicotina *ingerita*, perché l’ingestione di nicotina senza soppressione del riflesso del vomito non è ben dimostrata come fatale negli adulti. Al contrario, è stato dimostrato che l’ingestione di 1.000 mg non ha effetti significativi e l’ingestione di 1.500 mg è nota per essere tollerata. Pertanto, la dose mortale mediana per la nicotina ingerita negli adulti, senza anestetici o altri farmaci per sopprimere il riflesso del vomito, può essere di diversi grammi.
6 I CDC hanno fatto del loro meglio per nascondere questa sperimentazione clinica in quanto non è d’accordo con la loro agenda politica. Non è disponibile alcun collegamento online sebbene lo studio sia stato citato in diversi punti, e quindi la sua esistenza non può essere negata anche se è stato rimosso dalla visualizzazione pubblica.
7 Parte della guerra di propaganda contro la nicotina dipende dal fatto che sia descritta come “un prodotto chimico altamente tossico, che crea dipendenza, pericoloso e alieno”. Ovviamente non è nessuna di queste cose. In linea di massima, è l’opposto di queste cose. La propaganda è l’arte di far credere alle persone bugie, e da nessuna parte ha avuto successo come con la nicotina.
8 Un recente sondaggio tra medici britannici e svedesi ha mostrato che il 44% dei medici britannici pensava che la nicotina fosse associata al cancro. La maggior parte pensa che la nicotina sia uno degli ingredienti più tossici nel fumo di tabacco. Potresti considerare quale utilità può avere il consiglio di un medico in questo settore quando la sua conoscenza appare basata sulla propaganda e sui miti piuttosto che sulla scienza; dimostra quanto possa essere completamente disinformato (o bugiardo) qualcuno che consideri un esperto.
9 Lo snus è un prodotto del tabacco orale locale che non viene masticato, è appositamente lavorato per rimuovere la maggior parte degli agenti cancerogeni e fornisce quantità significative di nicotina. La grande risorsa di dati è applicabile solo allo Snus svedese consumato in Svezia, perché le statistiche sanitarie nazionali, l’epidemiologia e centinaia di studi clinici in tre decenni ci forniscono tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno su questo argomento; altri prodotti in altre aree non sono così facilmente valutabili.

2 Comments

  1. Sacrosanta verita’! Finalmente qualcuno che lo spiega in maniera analitica! Grazie! Sono anni che lo sostengo che NON è la nicotina che causa dipendenza e “andare a 0” ha poco senso, dico sempre che è il corpo che ti dice “abbassa” ma ci sono momenti che il corpo dti dice “alzala” ma nessuno lo ascolta e poi si lamentano che sono tornati a fumare, ne duscutevo recentemente, è solo uno spauracchio messo in opera ad arte, è il tabacco che viene trattato con ammoniaca e agenti chimici che vengono aggiunti lavorato quindi apppositamente per creare la dipendenza.
    Quando leggevo questo articolo mi è venuto in mente il prezzemolo (ma come tante altre cose, come giustamente hai detto, è la dose che fa il veleno) il prezzemolo ad alti livelli causa: Calcoli renali, tosse, asma, aborto, problemi digestivi,disordini al fegato, ritenzione idrica ed edemi, tumori, problemi alla pelle, quindi forse andrebbe bandito, però il prezzomolo è un grosso apportatore di vitamina, C,K,D,A e E quindi? è la disinformazione che regna sovrana, purtroppo quella della nicotina è stata creata appositamente dai gruppi “antifumo” degli anni 70/80 che hanno poi portatp al famoso MSA Americano, però quando si vedono questi estremismi, chiediamoci sempre, Cui prodest? Grazie per averlo scritto, grande articolo!

    • Grazie @Frank , sapevo di trovarti d’accordo.
      Con tutti i mezzi finanziari messi in campo dagli “anti-*”, non aver mai prodotto una ricerca per confermare questa loro teoria non è solo sospetto.
      La propaganda si nutre da sempre di queste zone d’ombra, sono il loro terreno di coltura ottimale.
      Cui prodest?
      Se. come nel loro agire, l’unica scelta plausibile è la cessazione immediata (il “cold turkey” per dirla a tuo modo 🙂 ) i vantaggi di sbandierare uno spauracchio infondato ma catastrofico sono evidenti.
      Per noi che abbiamo abbandonato il fumo combusto a favore della sigaretta elettronica il dubbio non si pone.
      Quando rimanevo senza “bionde” ero disposto a perdere la dignità in qualsiasi modo ( mai sceso in pigiama per andare dal più vicino distributore H24 in piena notte?) pur di procurarmele e placare il desiderio l’assoluto bisogno.
      Oggi, grazie ai vaporizzatori personali, continuo ad assumere la quantità di nicotina che desidera il mio corpo ( nel tempo sempre meno…) ma non ho mai più provato quella pessima sensazione di “mancanza” sperimentata in passato.
      Posso ( e spesso accade) rimanere lunghi periodi, a volte l’intera giornata, senza provare il bisogno di ingerire nicotina ne, tantomeno, “impazzire” per procurarmela.
      Non sarà una ” prova provata ma a me basta.

Leave a Reply