Quanta nicotina contiene una sigaretta?

Quando i vapers chiedono quanta nicotina contiene una sigaretta, spesso il loro intento è quello di calcolare la percentuale di nicotina da utilizzare nella preparazione degli e-liquid.
L’idea è quella di imitare l’intensità del “tiro” che si ottiene dalle sigarette analogiche e ottenere lo stesso piacere, provocato dalla nicotina, nell’esperienza con il vaporizzatore personale

Ma sapere quanta nicotina contiene una sigaretta non si tradurrà necessariamente nella quantità da utilizzare nel vaping.
Questo perché il metodo di erogazione è molto diverso e anche una quantità equivalente di nicotina non darà lo stesso effetto quando viene erogata in un vaporizzatore personale rispetto a una sigaretta.

La nicotina è un argomento complesso. 

Quanta nicotina: di cosa stiamo parlando?

La nicotina è un alcaloide che si trova nelle piante della famiglia della belladonna, tra cui peperoni, pomodori e patate.
Ma solo nella pianta del tabacco è abbastanza abbondante da essere estratta e raffinata.
La nicotina può essere sintetizzata anche in laboratorio, ma il processo è molto costoso.

La nicotina funziona paradossalmente sia come stimolante che come rilassante, gli utilizzatori riportano effetti diversi come l’elevazione dell’umore, la vigilanza e la calma.
È comunemente considerata come una dipendenza fisica e psicologica, ed è per questo che la maggior parte dei vapers che sono stati prima fumatori usano e-liquid con un certo livello di nicotina.

In queste pagine parliamo di vaping e la maggior parte degli articoli sulla nicotina sono incentrati sullo svapo. 
Ma poiché la quasi totalità dei vapers una volta erano fumatori e poiché molti fumatori sono alla ricerca di alternative a basso rischio alle sigarette, vorrei esplorare tutti gli aspetti dell’uso della nicotina. 
Inoltre è proprio questa sostanza che alimenta le discussioni dei più accesi nemici del vaping!

Scegliere la giusta forza di nicotina è una decisione importante per chi inizia ad usare un vaporizzatore personale.
Troppo e potresti finire per tossire, troppo poco e potresti chiederti se il vaping funzionerà per te.

Quanta nicotina c’è in una sigaretta?

quanta nicotina

Quindi, esattamente, quanta nicotina contiene una sigaretta?? 


È una domanda semplice, vero?

Beh no. 
Una sigaretta normalmente contiene tra 0,65 e 1 grammo di tabacco, il che si traduce tra 7,5 e 13,4 milligrammi di nicotina, secondo i test effettuati presso la Penn State University. 

Una Marlboro rossa contiene 10,9 mg di nicotina e la media di tutte le marche testate era di 10,2 mg per sigaretta. 
Uno studio separato degli scienziati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) mostra che i marchi Newport e Marlboro contengono circa la stessa quantità di nicotina (19,4 e 20,3 mg) per grammo di tabacco. 
Il contenuto medio di nicotina per tutte le marche testate dal CDC era di 19,2 mg per grammo di tabacco.

Ciò smentisce certamente l’affermazione secondo cui un pod JUUL ( uso questo esempio in quanto questo prodotto viene abitualmente indicato come il male assoluto dagli oppositori del vaping) contiene “tanta nicotina quanto un pacchetto di sigarette”. 

Un pod JUUL contiene 41 mg di nicotina (0,7 ml X 59 mg/ml), ma un pacchetto medio di sigarette contiene 204 mg di nicotina (20 sigarette X 10,2 mg) e alcune marche ne contengono molto di più.

Ma la domanda non dovrebbe essere quanta nicotina contiene una sigaretta. 

Piuttosto, il problema è quanta nicotina da una sigaretta viene assorbita dal fumatore . 
E qui le cose si complicano.

Secondo il professor Bernd Mayer del Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia dell’Università Karl-Franzens di Graz (Austria), “Il fumo di una sigaretta provoca un assorbimento di circa 2 mg di nicotina e dà luogo a concentrazioni plasmatiche arteriose medie di circa 0,03 mg/L ( 30 ng/ml).” 
Mayer è un noto esperto di nicotina, ma altri ricercatori hanno risposte leggermente diverse. 
Il professore dell’UCLA Arthur Brody afferma che le tipiche sigarette “leggere” producono 0,6-1,0 mg mentre quelle “normali” 1,2-1,4 mg per sigaretta.

Quindi le sigarette forniscono al fumatore molta meno nicotina di quanta ne contengano. 
La differenza può sembrare enorme, ma in realtà potrebbe non avere importanza. 
Questo perché i fumatori (e i vapers) controllano in gran parte il loro assorbimento di nicotina e perché altri fattori rappresentano una parte importante del potente rilascio di nicotina di una sigaretta.

La nicotina è tutta uguale, giusto?

Quando assumiamo la nicotina, decidiamo noi stessi quanta ne ingeriamo, fumando di più o di meno, più o meno velocemente e con maggiore o minore frequenza. 

Si chiama auto-titolazione e tutti i consumatori di nicotina lo fanno.

Sai come ci si sente ad aver utilizzato troppa nicotina, vero? 
Sia che tu la stia assumendo attraverso dalle sigarette o da un vaporizzatore personale, gli effetti sono gli stessi:

  • Vertigini
  • Male alla testa
  • Nausea
  • Sudorazioni fredde
  • Insonnia
  • Accelerazione del battito cardiaco
  • Ansia o nervosismo
  • Orecchie che fischiano

Ma poiché il nostro corpo sa quando ne abbiamo utilizzata a sufficienza, ci fermiamo o rallentiamo. 

Per gli utenti esperti di nicotina, il processo è quasi inconscio. 
L’auto-titolazione è una meraviglia del nostro cervello che ci dice quando e quanto il nostro corpo ha bisogno di una sostanza. 

Questi segnali di avvertimento sono ciò che previene le overdose di nicotina. Nessuno va in overdose con le sigarette o i vaporizzatori.
Bisognerebbe continuare a inalare mentre si vomita e si ha a che fare con un mal di testa lancinante!

Così i consumatori di nicotina si tengono sotto controllo con l’auto-titolazione.


Ma ottenere nicotina da una sigaretta è un po’ più complicato.
Tra il tabacco stesso e le tattiche delle compagnie del tabacco, le sigarette sono costruite per fornire una dose sovralimentata di nicotina al cervello.

Oltre alla nicotina, le sigarette contengono altre sostanze chimiche che alimentano il rilascio di nicotina nel fumo.
Gli inibitori della monoammina ossidasi (MAOI) si combinano con la nicotina per produrre un effetto di rinforzo nel cervello che fa desiderare la nicotina più spesso.

E le compagnie del tabacco scoprirono molto tempo fa che l’aggiunta di ammoniaca al tabacco delle sigarette creava una forma di nicotina che era più desiderabile, e più coinvolgente per l’utente.
Cambiando la chimica della nicotina che il fumatore assorbe, l’ammoniaca sovralimenta la nicotina quando colpisce il cervello.

Queste sono tutte ragioni per cui non possiamo semplicemente confrontare il contenuto di nicotina di una sigaretta con una quantità equivalente di nic nell’e-liquido o in un cerotto alla nicotina.
I vaporizzatori non hanno ammoniaca o MAOI.
Questo è uno dei motivi per cui alcuni scienziati affermano che la nicotina nelle sigarette elettroniche e nei prodotti di terapia sostitutiva della nicotina (NRT) probabilmente non crea dipendenza come nelle sigarette.

Quanta nicotina c’è in un sigaro?

Il team di ricerca del CDC, che ha misurato il contenuto di nicotina per grammo di decine di marche di sigarette, ha indagato anche sui sigari.
Mentre nessuno dei tipi di sigari testati dal CDC si è avvicinato al contenuto medio di nicotina delle sigarette, i sigari grandi (premium, a volte arrotolati a mano) erano i più vicini. Ecco i tipi di sigari con le concentrazioni medie di nicotina per ciascuno, rispetto alle sigarette:

  • Sigarette 19,2 milligrammi per grammo di tabacco
  • Sigari grandi 15,4 mg/g
  • Sigaretti 13,0 mg/g
  • Sigari piccoli 12,6 mg/g
  • Mini-sigari 12,5 mg/g
  • Sigari di tabacco da pipa 8,79 mg/g

Anche i sigari che contengono tanta o quasi la stessa nicotina delle sigarette probabilmente non la forniscono in modo altrettanto efficace al fumatore. I fumatori di sigari in genere non inalano profondamente (o per niente), e i sigari non sono trattati con ammoniaca per aumentare il potere di assuefazione. Questo non vuol dire che i sigari non possano creare dipendenza, ma non sembrano fornire la stessa esplosione di dipendenza di una sigaretta.

E se le sigarette non avessero nicotina?

Nel luglio 2017, l’allora commissario della americana Food & Drug Administration (FDA) Scott Gottlieb ha annunciato che l’agenzia stava iniziando la ricerca su un piano per ridurre la nicotina nelle sigarette a livelli che non creano dipendenza.

” Ma la nicotina nelle sigarette non è direttamente responsabile del cancro, delle malattie polmonari e cardiache che uccidono centinaia di migliaia di americani ogni anno.
Sì, li ha resi tutti dipendenti e li ha mantenuti tali a lungo. E ha reso la maggior parte di loro dipendenti quando erano ancora adolescenti. Ma sono gli altri composti chimici nel tabacco, e nel fumo che si crea bruciando il tabacco, che causano direttamente e principalmente la malattia e la morte, non la nicotina.”

La teoria è che eliminando il potenziale di dipendenza delle sigarette, ma permettendo alle alternative ad alta nicotina come le sigarette elettroniche e i prodotti NRT di rimanere sul mercato, molti fumatori migrerebbero verso le alternative a basso rischio.
I sostenitori del piano affermano che i giovani utilizzatori non diventerebbero mai dipendenti dalle sigarette.

Non è un’idea nuova. Gli scienziati del controllo del tabacco hanno discusso l’abbassamento della nicotina nelle sigarette almeno dal 1994, e recentemente sono stati condotti studi clinici sulle cosiddette sigarette a nicotina molto bassa (VLNC) – che a volte sono chiamate sigarette a nicotina ridotta.

Leave a Reply