Vendere sigarette: Edward Bernays e l’invenzione della propaganda

Lead Bernays
Lead Bernays

Conosci Edward Bernays? 

Probabile, anche se molti di quelli che applicano quotidianamente la sua teoria ignorano il suo nome. 

Questo signore, nipote di Sigmund Freud, applicava le teorie di suo zio per inventare campagne di propaganda. 

Uno dei suoi clienti più famosi era il marchio di sigarette Lucky Strike, per il quale inventò la manipolazione della folla.

Quanto amo le donne!

Georges Washington Hill
Georges Washington Hill

Nel 1929, la crisi economica si profilò all’orizzonte. 

La prima guerra mondiale è lontana e i benefici che ha portato all’economia americana stanno lentamente diminuendo. 

Nel suo ufficio, Georges Washington Hill è un po ‘depresso. 

È presidente dell’American Tobacco Company e, dopo anni in forte crescita, i suoi profitti ristagnano. 

Se la situazione dovesse continuare, pagherebbe ai suoi azionisti gli stessi dividendi dell’anno precedente, che , per un capitalista, è l’equivalente del fallimento.

Va detto che il marchio Lucky Strike aveva registrato un’enorme crescita, grazie a un fenomeno molto semplice: la guerra. 

Georges Hill era riuscito a far arrivare in l’Europa, in sostegno alle forze militari, grandi quantitativi di sigarette.

Sigarette che i soldati fumarono allegramente e distribuirono alle popolazioni locali. 

Le vendite arrivarono, ma questo modello di sviluppo aveva raggiunto i suoi limiti.

Lo scenario è questo quando un uomo entra nel suo ufficio. 

Il suo nome è Edward Bernays, ed è noto a una cerchia ristretta di iniziati per due cose: è il nipote del famoso Sigmund Freud, ed è un piccolo genio.

Ha sviluppato una teoria rivoluzionaria per la pubblicità: fare appello all’inconscio collettivo.

I want you
I want you

Se nessuno conosce il suo nome, è perché Bernays preferisce lavorare dietro le quinte. 

È sconosciuto, ma il suo lavoro è famoso. Faceva parte della commissione Creil, responsabile della trasformazione di milioni di pacifisti americani in orde di combattenti pronti a combattere in Europa, nel 1917.

Il famoso e iconico poster “I want you for US army” è opera sua.

Edward Bernays ascolta attentamente il problema di George Hill, vendere sempre più sigarette, e accetta la missione di sviluppare il marchio. 

Quando Hill gli chiede come intende fare, Bernays risponde con calma :

Beh, è ​​facile, c’è metà della popolazione a cui non provi nemmeno a vendere

Le torce della libertà

Al momento, una donna che fuma è malvista. 

Molto malvista, anche in questa America fatta di puritanesimo di sola facciata. 

Tuttavia, Bernays sa che i movimenti di emancipazione femminile sono in aumento negli Stati Uniti.

Presenta quindi la sua teoria, puramente psicoanalitica: la sigaretta è un simbolo fallico che stabilisce il dominio dei maschi. 

Bisogna convincere le donne che devono fumare per far valere la loro libertà. 

Bisogna trasmettere il messaggio, in un preciso momento, non importa come.

Il 31 marzo 1929, una parata molto popolare ebbe luogo a New York.

Edward Bernays punta su questo evento e organizza la sua mossa. 

Riunisce dozzine di donne, tutte scelte personalmene, giovani, belle, sane ed eleganti, a cui distribuisce pacchetti di Lucky Strike e assegna una posizione precisa. 

Convoca la stampa di tutto il paese, promettendo “un grande evento”.

Torches of Freedom, New York, marzo 1929
Torches of Freedom, New York, marzo 1929

Il giorno arriva, tutto è a posto. I festeggiamenti sono in pieno svolgimento, la folla è fitta. 

Bernays, nascosto tra la gente, dà un segnale concordato. 

Nella folla, sotto l’occhio dei fotografi della stampa, dozzine di donne, allo stesso tempo, tirano fuori il loro pacchetto di sigarette e iniziano a fumare. 

Ai giornalisti e ai curiosi che le intervistano, spiegano che queste sono le “torce della libertà”, in riferimento alla Statua della Libertà, un discorso attentamente confezionato dallo stesso Bernays.

Nelle settimane che seguirono, milioni di donne negli Stati Uniti si precipitarono a fumare, non per il gusto o il desiderio, ma solo per simboleggiare la loro libertà. 

Gli azionisti dell’American Tobacco Company hanno ricevuto dividendi sostanziali e Edward Bernays ha incassato commissioni considerevoli.

L’idea di “Torches of Freedom” è stata riutilizzata in modo quasi identico negli anni ’90, quando la sigaretta è stata presentata come un simbolo di resistenza e difesa dei diritti fondamentali contro il governo federale americano, proprio quando la leggie anti – tabacco è stata votata.  

Manipolazione della folla

Conflitti e tabacco: Edward Bernays aveva dimostrato la validità del suo metodo. 

Il suo ultimo “colpo di genio” fu il rovesciamento, nel 1954, della repubblica del Guatemala, per proteggere gli interessi americani e la United Fruit Compagny. 

Fu durante il suo oscuro lavoro che Bernays coniò l’espressione “repubblica delle banane”.

Lasciò due libri importanti, Crystallizing Public Opinion, 1923 e Propaganda nel 1928.

Sappiamo che Joseph Goebbels applicò i suoi metodi alla lettera per aiutare Adolf Hitler a guadagnare potere. 

Ironia della sorte, suo zio e modello, Sigmund Freud, fu perseguitato dai nazisti e dovette fuggire in Inghilterra dove morì in esilio.

Sigmund Freud, 1920
Sigmund Freud, 1920

La teoria di Edward Bernays era semplice: una folla non può essere considerata come un’unità di singoli individui pensanti, solo un ID guida è espresso in essa.

Questo è sufficiente per poterlo scoccare. 

È stato direttamente ispirato dal lavoro di suo zio, Sigmund Freud. 

Edward Bernays a continuato regolarmente a “consigliare” l’industria del tabacco ed era, direttamente o indirettamente, dietro tutta la pubblicità, l’ informazione e talvolta la disinformazione, che hanno condotto negli anni. 

I suoi libri sono ancora oggi tra i testi adottati nelle scuole di scienze politiche e della comunicazione. 

Tutto il marketing moderno si basa sul suo lavoro.

Si è spento pacificamente nel suo ricco letto all’età di 104 anni.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *