Veritas Cohort per fare chiarezza

catania e1584495122166
catania e1584495122166

Se gli studi sull’uso della sigaretta elettronica sono in aumento da diversi anni, i detrattori spesso criticano la comunità scientifica per la mancanza di indagini a lungo termine 

Un progetto internazionale viene avviato, in Italia, dal centro di ricerca dell’Università di Catania. 

Lo studio, dal nome Veritas, acronimo di “Vaping effects: Real-world international surveillance,” dovrebbe estendersi per sei anni e interessare diversi paesi in venti diversi siti 

Per svolgere il loro studio, gli scienziati sono alla ricerca di vapers abituali che hanno usato pochissimo tabacco combusto in passato ( meno di 1.000 sigarette in tutta la vita, attualmente non fumatori, e che abbiamo cessato completamente da almeno 2 anni )


“ L’obiettivo è osservare, per la prima volta, i risultati sulla salute di vapers esclusivi confrontandoli con quelli di individui che non hanno mai fumato sigarette. Lo studio include la valutazione clinica della salute polmonare dei partecipanti. ” 


Per partecipare allo studio potete visitare il sito Web di Veritas . 

Gli scienziati sono attualmente alla ricerca di venti “ambasciatori” , vale a dire manager che lavorano come punti di contatto locale e che aiuteranno a reclutare volontari. 

Questo lavoro è remunerato: 500 euro al mese durante il primo trimestre, quindi 800 euro al mese per il proseguimento di questo progetto della durata prevista di sei anni. ” Non è necessaria alcuna esperienza scientifica , affermano i ricercatori, questa è un’opportunità per prendere parte a uno studio importante che sarà utile per tutti i vapers e i fumatori. 

Il team del progetto parla di “circa cinque ore di lavoro settimanali ” per questi ambasciatori. 

Sei tentato dal lavoro? Sfoglia l’annuncio dettagliato per scoprire le diverse competenze tecniche richieste. 

Sono essenzialmente legate alla capacità di comunicare (specialmente in inglese, scritto e orale) e di unire i vapers motivati ​​intorno a se. 

L’intero progetto è sostenuto e promosso da ECLAT, lo spin off dell’Università degli Studi di Catania afferente al Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *